Assonotailombardia.it

Relazione Assemblea 1 Aprile 2014

Care colleghe e cari colleghi,

anche questo è stato un anno molto intenso e noi abbiamo cercato di tenere il passo rispetto ai problemi e alle questioni che si sono presentati senza sosta, con la conseguenza di essere stati molto presenti e visibili, per qualcuno anche troppo.

Prima di passare ad alcune considerazioni generali di natura politica, mi sembra doveroso fare una breve rassegna della nostra attività, anche a beneficio dei molti colleghi che si stanno avvicinando in questi ultimi tempi al Sindacato e che non conoscono bene le nostre iniziative (rinviando comunque per un approfondimento ai documenti allegati alla Relazione e ad un breve video di presentazione).

Rassegna attività

Proseguendo il cammino dello scorso anno, ci siamo sforzati di lavorare avendo sempre presente un’idea e un progetto di Notariato da portare avanti, con la speranza di poter partecipare e contribuire, con le idee, a disegnare il Notariato del domani.

Nel solco della continuità rispetto ad alcune iniziative dello scorso anno, abbiamo organizzato un “Seminario sugli appalti pubblici”, per approfondire dei temi molto complessi e distanti dalla nostra attività tradizionale e che sono diventati, in parte, attuali anche a seguito della normativa relativa alla stipula in modalità informatica. Anche in quest’occasione abbiamo dato un valore politico ad un’iniziativa scientifica, proprio per sottolineare come oggi il notariato e i singoli notai debbano “conquistare” terreno in nuovi settori di attività.

Ovviamente, l’attenzione è stata molto alta, e continuerà a restare tale, sul tema dell’organizzazione e gestione dei nostri studi: abbiamo, quindi, organizzato vari incontri sul tema delle possibili forme organizzative e “ospitato” una tappa del Convegno itinerante di Federnotai, in collaborazione con il Laboratorio della Qualità notarile. In quest’ottica abbiamo anche messo a disposizione sul nostro sito degli strumenti utili per l’attività di studio: bozze di Contratto d’opera e lettera d’incarico, oltre alla famosa Formula Mottura e ad uno schema più articolato per il controllo dei costi: ovviamente si tratta di bozze modificabili, implementabili e adattabili alle specifiche esigenze, con una mera funziona indicativa di supporto per chi non avesse già elaborato strumenti propri.

Abbiamo anche organizzato degli incontri, in collaborazione con Confprofessioni Lombardia, per alcuni chiarimenti sull’utilizzabilità della Cig in deroga.

Sul fronte delle iniziative di carattere esterno, l’attività è stata molto intensa e improntata alla riaffermazione dell’idea che il Notariato deve posizionarsi con decisione e senza tentennamenti al fianco delle Istituzioni, in un’ottica di sussidiarietà e collaborazione, rivendicando, ovviamente, il proprio ruolo e le proprie competenze in modo attivo e propositivo. Con questo spirito abbiamo organizzato, in collaborazione con il Consiglio Notarile di Milano, un evento sull’Antiriciclaggio, coinvolgendo Bankitalia, Magistratura, Guardia di Finanza e Uif. Lo scorso anno avevamo dedicato la nostra attenzione agli aspetti interni della disciplina con una giornata di studio “chiusa e riservata” ai notai e con un Corso ad hoc per i dipendenti; occorreva completare il percorso con un evento rivolto all’esterno con gli interlocutori istituzionali per ribadire la nostra disponibilità e collaborazione, ma rivendicando anche strumenti più adeguati ed efficaci rispetto alle specificità di chi li deve utilizzare, sempre nell’interesse della collettività.

Sulla stessa scia del rapporto di collaborazione con le Istituzioni abbiamo portato avanti, con il Consiglio di Milano, anche il Protocollo con la Questura di Varese per velocizzare le informazioni relative alle pratiche con stranieri, replicando quanto già fatto con le Questure di Milano, Como e Lecco. Siamo, inoltre, contenti, che questa iniziativa abbia suscitato interesse anche in altre Regioni, come dimostra la sottoscrizione del medesimo protocollo a Trento.

Entrambi questi eventi hanno avuto un importante riscontro mediatico, decisivo per poter diffondere certi messaggi.

E a proposito di messaggi da diffondere, l’evento che sicuramente più degli altri ci ha impegnato e che ha avuto un grande impatto “esterno” ed “interno” è stato la realizzazione dello Studio sui dati relativi alle Srls presentato nella Tavola rotonda “L’Impresa di fare Impresa: 1 euro può bastare?” del 19 luglio a Milano, che ha avuto un’eco mediatica nazionale davvero sorprendente, come avete potuto o potrete constatare dalla Rassegna stampa pubblicata sul sito.

L’analisi e i numeri, confermati dalle opinioni dei relatori che hanno partecipato alla tavola rotonda, hanno dimostrato come queste società, create per rilanciare economia e occupazione, non risultano, invece, funzionali ai propositi di creare occupazione, produrre crescita o attrarre nuovi capitali dall’estero.

Anche i dati pubblicati recentemente dimostrano come il trend di costituzione di questi “mostri giuridici” non sia positivo: rispetto a maggio 2013, sono diminuite, in proporzione, le costituzioni di srls, nonostante l’abolizione del limite dei 35 anni! Probabilmente, anche grazie alla possibilità di costituire srl ordinarie con capitale inferiore a 10.000 (ma occorrerebbe avere i dati), il grande bluff sta venendo fuori…Già in quell’occasione, eravamo stati “facili profeti”, prevedendo il possibile abuso di questo strumento per creare illegittime “scatole cinesi” e le recenti notizie di cronaca ci hanno, purtroppo, dato ragione, ma il Governo ha insistito per un’operazione meramente demagogica.

La nostra attività si è poi rivolta anche a numerosi aspetti di politica interna di categoria che si è concretizzata in una serie di iniziative.

Seguendo un ordine cronologico, il primo appuntamento è stato quello del 21 giugno, organizzato dal Cnn appena insediato (su iniziativa del Presidente uscente Paolo Setti), che chiamava la base ad un Confronto su idee e progetti per un futuro condiviso; già in quell’occasione, a seguito di varie riunioni allargate del Comitato Direttivo, sono stati presentati più interventi finalizzati a dare un contributo su vari temi, in materia di concorrenza, di nuovi diritti, proposte immobiliari, informatica e comunicazione, tutti pubblicati sul sito. Sulla stessa scia e con il medesimo spirito ci si è poi preparati al Congresso Nazionale, attraverso interventi liberi, domande per il Question time e presentazione di ordini del giorno. Anche in questo caso, chi ha avuto voglia e tempo, ha potuto trovare riscontro di questa attività nel numero speciale di Federnotizie dedicato al Congresso.

Ritengo, però, importante soffermare l’attenzione su due temi trattati al Congresso ed anche successivamente e sui quali occorre mantenere altissima l’attenzione: Assicurazione Professionale e Sostenibilità della Cassa.

Come qualcuno ricorderà, già un anno fa avevamo conferito un incarico esplorativo ad un Broker per verificare la possibilità di ottenere condizioni favorevoli per la copertura assicurativa RC Professionale, relativamente alle polizze integrative a carico dei singoli notai. Successivamente abbiamo promosso un incontro pubblico con il Consigliere Responsabile del Cnn del Settore Assicurazioni Aniello Calabrese e con l’Avv. Federico Spinucci di Assonotar per evidenziare alcuni limiti dell’attuale Polizza e denunciare la poca trasparenza nella diffusione di dati statistici nei confronti della categoria; molti degli spunti emersi sono stati riproposti in un odg approvato a larghissima maggioranza e che, caso più unico che raro, ha trovato accoglimento (almeno in parte) in una delibera del Cnn, accompagnata dalla pubblicazione sul Notiziario del 23 gennaio di dati statistici molto importanti e seguita dalle comunicazioni successive pubblicate nelle date del 21 e del 26 febbraio.

A fine gennaio, nonostante le numerose difficoltà eravamo riusciti ad ottenere una risposta “parzialmente” positiva dal broker: si erano trovati degli Assicuratori, disponibili ad un “primo test”.

A seguito di numerose “osservazioni” formulate anche dal Responsabile del Cnn si era giunti ad un testo assolutamente conforme alle prescrizioni del Cnn indicate nella lettera del 23 gennaio 2014, ad eccezione però di una molto importante e, per l’assicuratore, “bloccante”; mi riferisco in particolare all’ultima richiesta indicata nella lettera da parte del CNN ove lo stesso, e non la legge, esige che le coperture assicurative stipulate in alternativa alla convenzione AIG “non escludano i sinistri occasionati da fatti e/o circostanze già conosciute dall’Assicurato al momento della stipula del contratto”.

Si tratta di un aspetto tecnico che ha lasciato molto perplessi, soprattutto in chiave futura e nell’interesse dei notai, e sul quale sono in corso dei chiarimenti e degli approfondimenti con il Cnn.

Questo è il massimo risultato che siamo riusciti ad ottenere per quest’anno, ma continueremo senz’altro a mantenere alta l’attenzione sul tema Assicurazione per cercare di innescare dei meccanismi virtuosi (con il broker stiamo approfondendo la possibilità di introdurre correttivi di bonus-malus e “incentivi” per i notai non sinistrosi o che operano rispettando certi “standard operativi” di qualità) che possano portare ad una riduzione dei costi per i notai e per il notariato.

Discorso a parte, merita, infine la Cassa su cui abbiamo concentrato molte delle nostre attenzioni, anche grazie al contributo dei Delegati lombardi.

Come emerso dai dati diffusi dal Presidente della Cassa Mario Mistretta, il notariato si trova ad un bivio in ordine alle scelte da compiere per la gestione della Cassa:

– o si ritiene che le cose vadano bene così e allora nulla deve cambiare nella politica di amministrazione che la Cassa ha portato avanti negli ultimi anni;

– o si ritiene che sia stato raggiunto o addirittura superato il “punto di rottura” (e la contribuzione cui siamo assoggettati dal 1 gennaio 2014 è già insostenibile per moltissimi studi) e allora occorre cambiare rotta.

Noi riteniamo che sia ormai inevitabile avviare un percorso di riforme per garantire, nel tempo, la Sostenibilità della Cassa.

Ciascuno di noi (e, in primis il Cda), nel rispetto dei vari ruoli, è chiamato a dare un contributo propositivo e costruttivo per la “Cassa di tutti”.

Con questo spirito, abbiamo elaborato una proposta concreta su una possibile riforma della governance della Cassa, già presentata al Congresso di Roma dal collega Giuseppe Calafiori e trasmessa al Presidente Mistretta, ai Consiglieri e a tutti voi.

Ovviamente, sappiamo bene che non si tratta della “soluzione” ai problemi della Cassa; sarà inevitabile affrontare (anche con l’ausilio di competenze tecniche-economiche-attuariali specifiche) il tema centrale della Sostenibilità nel rapporto fra contribuzione e prestazioni in vista dell’obiettivo di raggiungere un nuovo Patto Generazionale.

Siamo, però, consapevoli che la soluzione di questi problemi passa anche da una politica di gestione della Cassa sostenibile, che miri alla massima efficienza e trasparenza, all’ottimizzazione del patrimonio e, non ultima e meno importante, ad una efficace e ormai ineludibile spending review.

Si tratta di un’ipotesi di lavoro che, con spirito costruttivo, abbiamo messo a disposizione di tutta la Categoria, dal Cda, ai Delegati, ai singoli notai; varie possono essere le strade che realizzano determinati scopi; noi ne abbiamo indicata una, attraverso un progetto di articolato illustrato in una relazione di accompagnamento (che trovate pubblicati anche sul nostro sito), aperta a suggerimenti, critiche e osservazioni….che non sono, però, ancora arrivate.

Il Congresso straordinario richiesto a Roma con un ordine del giorno approvato a larghissima maggioranza potrà essere l’occasione per parlare e confrontarsi su questo tema e su tutte le altre proposte in materia di sostenibilità della Cassa che il Cda e la categoria in generale saranno capaci di produrre.

Noi ci aspettiamo delle risposte chiare e precise, con interventi strutturali e continueremo a mantenere alta l’attenzione, prima che la “mina-Cassa” ci esploda in mano! Il tempo dei tentennamenti e dei “rinvii” è finito.

Riflessioni Generali

L’anno che ci apprestiamo ad affrontare sarà un anno di grandi rivoluzioni per il notariato e certamente la normativa del Deposito Prezzo rappresenta una svolta epocale per la nostra professione. In questi ultimi mesi, il dibattito si è sviluppato in tutte le sedi, sono stati sviscerati i problemi operativi e politici connessi a questa novità e il Cnn è stato, è e sarà impegnato ancora nel lavoro di contatto con i Ministeri competenti affinchè l’emanando Regolamento possa definire le modalità operative della nuova procedura e, per quanto possibile, risolvere alcune delle molte incertezze derivanti dalla norma di legge. Sicuramente, nei primi mesi di operatività della norma, verranno a galla le questioni già discusse (e di nuove ne emergeranno), ma certamente il successo o l’insuccesso della legge (e, quindi, anche della nostra categoria) dipenderà in massima parte da ciascuno di noi e dallo spirito con cui si applicherà questa nuova legge dello Stato.

Per quanto ci riguarda, subito dopo il Congresso Nazionale di Roma e la pubblicazione del decreto legge, abbiamo discusso in varie riunioni molto animate e “rubo” le parole di un giovane collega per sintetizzare l’esito del giudizio politico di quelle riunioni: “……il saldo netto è assolutamente positivo e dunque dobbiamo guardare con fiducia e ottimismo a questa opportunità. Dopo anni nel corso dei quali non si faceva altro che discutere su come difendere ruolo e competenze, il legislatore pare offrirci un’occasione d’oro, per “staccare” la nostra posizione rispetto a quella di qualunque altro professionista..… grazie al bagaglio di fiducia che la categoria ancora possiede presso i cittadini e lo Stato (quale altra categoria potrebbe presentarsi nei confronti dei terzi quale garante dei soldi altrui?)… “

Certamente, ci sono tantissimi aspetti che andrebbero (e andranno) sistemati ed è auspicabile ovviamente un miglioramento legislativo; ma dobbiamo fare i conti con la realtà e con l’attuale qualità della tecnica legislativa del nostro Legislatore e sappiamo bene che è impensabile poter ottenere oggi delle modifiche in Parlamento (senza tralasciare tutti i rischi legati ad eventuali emendamenti pericolosi).

Molte difficoltà operative (che il Regolamento non riuscirà a risolvere) andranno superate anche con un inevitabile nuovo modo di lavorare; so bene che la nostra categoria non ama i cambiamenti, ma qui siamo di fronte ad una svolta epocale ed è necessario acquisire al più presto la “Cultura del Deposito Prezzo” che porta con sé numerosi corollari; al Cnn spetterà un lavoro gravosissimo e dagli esiti non certissimi, sia all’esterno che all’interno della categoria.

Ma c’è un punto su cui, a nostro avviso, non ci possono essere “se e ma” e su cui non ci si può affidare solo ad una nuova cultura: la sicurezza dei flussi finanziari. Questo punto è vitale non solo per il successo del Deposito Prezzo, ma anche per la sopravvivenza della categoria (almeno, così come oggi la conosciamo): il caso di notai in fuga con la cassa farebbe perdere a tutta la categoria quel bagaglio di fiducia che giustifica la nostra “differenziazione” rispetto agli altri professionisti e le nostre riserve esclusive.

Come detto, la normativa del Deposito-Prezzo costituisce un’occasione per affrontare anche altri temi fondamentali, connessi alla nuova cultura che s’intende diffondere e su cui occorre aprire il dibattito.

La normativa sul Deposito-Prezzo rappresenta un’inversione di tendenza rispetto alle ultime iniziative legislative riguardanti l’attività notarile; in particolare, l’eliminazione delle Tariffe e l’ampliamento eccezionale delle sedi (oltre all’accanimento dell’Antitrust) hanno spinto verso un’accentuazione dell’aspetto concorrenziale della nostra professione, con un evidente fondamento “liberalizzatore”. Con la norma del Deposito-prezzo, il legislatore sposta l’asticella nuovamente a vantaggio degli aspetti legati alla pubblica funzione.

Noi sappiamo bene, e lo diciamo da tanto tempo, che i notai non sono tutti uguali e queste differenze diventano sempre più marcate (anche grazie a quei provvedimenti su tariffe e sedi), ma il Notariato è, e dovrà essere ancora domani, in grado di “garantire” una qualità che giustifica il numero programmato, un concorso pubblico per l’accesso alla professione e le nostre riserve in materia societaria e immobiliare.

Credo che il Cnn (e la categoria tutta) non possa rinviare al suo interno la discussione per trovare il nuovo “punto di equilibrio” tra ciò che può e deve essere lasciato all’ esclusiva cura del singolo notaio (di cui può e deve rispondere solo lui, nel bene e nel male) e ciò che deve garantire il “Sistema Notariato”. E occorre definire questi spazi individuando le procedure, le regole, i controlli e gli strumenti per rendere effettiva, dal Sistema Notariato, tale garanzia, nell’interesse primario dello Stato e nell’interesse dei cittadini e delle imprese. I Consigli Notarili devono essere la longa manus del Notariato ed essere messi in grado di far rispettare tali regole (in caso contrario, è meglio eliminare la regola).

E’ evidente che la partita, come si desume anche dalle recenti sentenze della Cassazione in materia disciplinare, si gioca sull’asticella del livello minimo di qualità da garantire (e controllare) ed è una partita delicata che il Cnn dovrà affrontare.

E noi invitiamo il Consiglio Nazionale e il Presidente a dedicare le proprie energie affinchè elabori  delle strategie in materia di concorrenza, deontologia, definizione della personalità della prestazione, sussidiarietà, antiriciclaggio, assicurazione, accesso, comunicazione…che siano collegate da un Progetto e dalla propria “visione” di Notariato.

 Noi ci impegnamo a fare la nostra parte.

domenico chiofalo

presidente Associazione sindacale dei notai della Lombardia

Relazione Annuale 2014

Documenti Allegati alla Relazione annuale 2014

Video di Presentazione delle Attività

 

Documenti dell’ Assemblea annuale 2013 

Relazione Annuale 2013

Documenti allegati alla Relazione annuale 2013 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dove siamo

Via Locatelli, 5 - Milano (MI)
Via Locatelli, 5 20124 – Milano, MI